Sorry, this entry is only available in Polish. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Creiamo sui social media un’immagine di come viviamo la festa del Corpus Domini nei nostri Paesi. Condividiamo foto e video, contrassegnandoli con l’hashtag #Processione – incoraggia il portavoce dell’Episcopato polacco, P. Pawel Rytel-Andrianik. L’anno scorso l’iniziativa ha coinvolto 5 milioni di polacchi. “Spero che questa volta sarà similmente”, dice P. Rytel-Andrianik. Per vedere le processioni in Polonia, basta scrivere: #Procesja (processione).

“San Giovanni Paolo II ha detto che la fede si rafforza donandola” – ricorda il portavoce dell’Episcopato, invitando a condividere l’esperienza di fede anche su Facebook e su Twitter. “La festa del Corpus Domini è una testimonianza pubblica della nostra fede. Possiamo darla anche sui social media condividendo foto e video con l’hashtag #Processione. In questo modo, creeremo un’immagine di come viviamo questa festa nel nostro Paese” – sottolinea P. Pawel Rytel-Andrianik.

Il portavoce nota che la festa del Corpus Domini è il momento in cui i cattolici escono in processioni nelle strade delle città adorando Gesù e meditando il mistero della Sua presenza nel Santissimo Sacramento.

“Non è una semplice manifestazione, ma una grande preghiera di tutta la Chiesa, la quale unisce molte persone che, come una comunità, escono per adorare Gesù e per invitarlo alla loro vita quotidiana. Dopo tutto, le processioni passano accanto i nostri luoghi di abitazione, lavoro e intrattenimento. Quindi possiamo dire che la festa del Corpus Domini vuole sottolineare la presenza di Dio in mezzo a noi, in tutti i nostri affari. Possiamo condividere questa esperienza anche sui social media postando foto e video con l’hashtag #Processione durante la festa del Corpus Domini e l’ottava di questa solennità” – sottolinea P. Rytel-Andrianik.

Il portavoce aggiunge che le precedenti iniziative di questo tipo sui social media erano molto popolari e hanno dimostrato che tra i loro utenti c’è un bisogno di condividere l’esperienza della fede. “Un aspetto molto importante di tali iniziative è il fatto che pubblicando foto o registrazioni video, realizzate ad esempio con uno smartphone, diamo la possibilità di partecipare a importanti eventi religiosi. Inoltre, coloro che per vari motivi non possono partecipare personalmente a una processione possono unirsi spiritualmente. Questo è anche lo scopo dell’iniziativa #Processione su Twitter e Facebook” – nota il portavoce dell’Episcopato.

Ufficio Stampa della Conferenza Episcopale Polacca

SHARE