(Polski) Comunicazione del Presidente della Conferenza Episcopale Polacca 13.03.2020

27-03-2020
511

Sorry, this entry is only available in Polish. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

In riferimento all’introduzione di un’emergenza epidemica in Polonia e in seguito al regolamento delle autorità statali del 13 marzo di quest’anno, che ha limitato il numero dei partecipanti ai raduni a 50 persone, in questa situazione eccezionale, chiedo ai vescovi diocesani di adottare una decisione affinché durante ogni Santa Messa e funzione all’interno della chiesa ci possano essere al massimo 50 persone.

Ricordo anche la dispensa dall’obbligo di partecipare alle Messe domenicali e festive, secondo il Codice di Diritto Canonico, concessa dai vescovi diocesani. A coloro che ne fanno uso, chiedo l’unione spirituale con la comunità della Chiesa attraverso i mezzi di comunicazione sociale.

Incoraggio anche i vescovi a fare disposizioni diocesani per la cura pastorale dei fedeli durante l’epidemia, in riferimento alle mie precedenti comunicazioni e alla Disposizione del Consiglio Permanente della Conferenza Episcopale Polacca del 12 marzo.

Chiedo ai sacerdoti e alle persone di vita consacrata di recitare il rosario in chiesa ogni giorno alle 20.30 – senza la partecipazione dei fedeli – per i malati e per coloro che li curano, così come per i servizi medici e sanitari, e per la pace del cuore e la grazia della conversione. Chiedo ai fedeli di recitare contemporaneamente il rosario nelle loro famiglie nell’unione spirituale con i sacerdoti.

Assicuro a tutti i fedeli e ai pastori la mia preghiera e la mia unione spirituale.

+ Stanisław Gądecki

Arcivescovo di Poznan

Presidente della Conferenza Episcopale Polacca

Varsavia, 13 marzo 2020