Ho molto apprezzato l’odierna decisione del Tribunale Costituzionale. La vita di ogni persona davanti a Dio ha lo stesso valore e dovrebbe essere in egual misura protetta dallo Stato, ha scritto l’Arcivescovo Stanisław Gądecki, Presidente della Conferenza Episcopale Polacca, in una speciale Dichiarazione. Il 22 ottobre 2020, il Tribunale Costituzionale ha stabilito che le disposizioni sull’aborto a causa di un grave difetto fetale sono contrarie alla Costituzione della Repubblica Polacca.

L’Arcivescovo ha fatto riferimento alle parole di Giovanni Paolo II, il quale ha insegnato che „l’atteggiamento verso i più deboli è la misura della democrazia e della bontà di una società”. Ha sottolineato che ogni persona di retta coscienza non può negare il diritto alla vita a nessuno, soprattutto a causa della sua malattia.

Il Presidente dell’Episcopato ha indirizzato un appello a circondare di una delicatezza speciale e di un’attenzione reale da parte dello Stato, della società e della Chiesa tutti i bambini direttamente interessati dalla decisione del Tribunale e le loro famiglie.

BP della CEP (Conferenza Episcopale Polacca)

Testo integrale della lettera:

Dichiarazione del Presidente della Conferenza Episcopale Polacca dopo la decisione del Tribunale Costituzionale

Ho ricevuto con grande piacere l’odierna decisione del Tribunale Costituzionale, che ha ritenuto l’aborto eugenetico incompatibile con la Costituzione della Repubblica Polacca.

Con questa decisione si è affermato che il concetto di „vita non degna di essere vissuta” è in diretta contraddizione con il principio di uno Stato democratico governato dalla legge. La vita di ogni essere umano dal concepimento alla morte naturale ha lo stesso valore davanti a Dio e dovrebbe essere ugualmente protetta dallo Stato.

L’atteggiamento verso i più deboli è, come ci ha insegnato S. Giovanni Paolo II – la misura della democrazia e della bontà di una società. Ogni persona di coscienza retta si rende conto di quale barbarie incredibile sia il negare il diritto alla vita a chiunque, soprattutto a causa delle sue malattie.

Pur godendo di questo cambiamento epocale della legge, ricordiamo ora che i bambini – che sono direttamente interessati dall’odierna decisione del Tribunale Costituzionale – e le loro famiglie dovrebbero essere circondati da una delicatezza speciale e da un’attenzione reale da parte dello Stato, della società e della Chiesa.

+ Stanisław Gądecki
Arcivescovo Metropolita di Poznań
Presidente della Conferenza Episcopale Polacca

Poznań, 22 ottobre 2020,
memoria liturgica di S. Giovanni Paolo II

(translation: M Olmo / Office for Foreign Communication of the Secretariat of the Polish Bishops’ Conference)

BRAK KOMENTARZY