Comunicazione della 384a Assemblea Plenaria della Conferenza Episcopale Polacca

10-10-2019
840

L’8 e 9 ottobre 2019 si è svolta a Varsavia la 384a Assemblea Plenaria della Conferenza Episcopale Polacca. La sessione è stata guidata dall’arcivescovo Stanisław Gądecki, presidente della Conferenza episcopale polacca. L’arcivescovo Salvatore Pennacchio, nunzio apostolico in Polonia, si è rivolto ai vescovi.

  1. I vescovi hanno adottato la bozza dei principi aggiornati della formazione al sacerdozio in Polonia. Il documento sottolinea che la formazione sacerdotale cerca di modellare “un discepolo-missionario e amico di Gesù che diventa conforme a Cristo Sacerdote, Capo, Servo, Pastore e Sposo della Chiesa”. I sacerdoti devono essere pronti per lo stile di vita evangelico come discepoli di Gesù e intraprendere la missione degli apostoli nel mondo moderno. I principi contenuti in questo documento sono adattati alle ultime linee guida della Santa Sede. Saranno implementati nella pastorale vocazionale e in tutti i seminari diocesani e religiosi, nonché nella formazione permanente dei sacerdoti.
  2. Il desiderio del Santo Padre Francesco è che durante il Mese Missionario Straordinario – ottobre, i battezzati rinnovino lo zelo missionario e ravvivino la responsabilità delle missioni ad gentes. I vescovi ringraziano il clero e i laici che, in risposta alla chiamata del Papa, hanno intrapreso la preghiera e le opere di misericordia per le missioni. Questo mese, insieme alle Pontificie Opere Missionarie, aiutiamo con i nostri sacrifici le giovani Chiese in Africa, Asia e Oceania, e America Latina. Grazie al nostro sostegno finanziario, i missionari possono intraprendere numerose opere di evangelizzazione, di beneficenza, educative e mediche. I pastori della Chiesa in Polonia sono grati ai missionari, alle opere papali missionarie, alle diocesi, alle parrocchie, alle congregazioni religiose e ad altre comunità ecclesiali per il loro lavoro per le missioni. Le missioni hanno bisogno di coloro che proclameranno il Vangelo con parole e azioni d’amore. Ecco perché i vescovi rinnovano il loro fervido appello per la preghiera, in particolare il Rosario, per le vocazioni missionarie.
  3. In relazione al motu proprio “Vos estis lux mundi” del Santo Padre Francesco, che obbliga a istituire un sistema stabile e facilmente accessibile per ogni modo della presentazione di segnalazioni di sospetto reato di abuso sessuale sui minori, i vescovi hanno riveduto le “Linee guida” della Conferenza episcopale polacca. Inoltre, hanno ricordato che i dati di contatto dei delegati per la protezione dei bambini e dei giovani che ricevono tali segnalazioni, stabiliti in ciascuna diocesi e presso gli ordini religiosi maschili, devono essere elencati sul sito web della diocesi o della provincia religiosa in modo facilmente accessibile a chiunque sia interessato. La Conferenza episcopale polacca ha anche adottato lo Statuto della Fondazione di San Giuseppe, che – attraverso iniziative e attività sostenute – è di aiuto alle vittime di abusi sessuali nella comunità della Chiesa.
  4. In riferimento al nuovo programma pastorale „L’Eucaristia dà la vita”, i vescovi hanno esaminato il rapporto “Il tempo libero nella vita dei polacchi e la celebrazione della domenica”, elaborato dall’Istituto di Statistica della Chiesa Cattolica. I risultati preliminari della ricerca indicano che la restrizione introdotta al commercio di domenica porta al fatto che i polacchi hanno l’opportunità di dedicare questi giorni alle “attività del tempo libero”, che includono: pratiche religiose, costruzione di rapporti con familia e amici nonché partecipazione a delle iniziative culturali e prosociali, come anche riposo attivo nel contatto con la natura.
  5. Il primo giorno dell’assemblea plenaria, dopo la conclusione della sessione, i vescovi si sono recati nella Cattedrale di Campo dell’Esercito Polacco a Varsavia per l’Eucaristia di ringraziamento in occasione del centenario della fondazione dell’Ordinariato Militare in Polonia. La liturgia – con la partecipazione del Nunzio Apostolico arcivescovo Salvatore Pennacchio – è stata presieduta dall’arcivescovo Stanisław Gądecki, presidente della Conferenza episcopale polacca, che ha tenuto un’omelia commemorativa in cui è stata presentata la storia della pastorale militare e la teologia del giubileo. La Messa solenne è stata l’occasione per ringraziare per il servizio di cappellani militari nel passato e per il servizio contemporaneo alle persone in uniforme nel paese e all’estero. I vescovi e i soldati hanno pregato per due genieri morti in servizio mentre disarmavano ordigni inesplosi. Hanno anche pregato per i feriti e le famiglie delle vittime.
  6. I vescovi ci ricordano che la dignità umana richiede che proteggiamo l’intera vita umana dal concepimento alla morte naturale. Il diritto alla vita è un diritto universale e fondamentale e si applica a tutti, sia ai credenti che non-credenti.
  7. I vescovi hanno espresso gratitudine al Santo Padre Francesco per le decisioni che aprono la strada alla beatificazione del Cardinale Stefan Wyszyński. Preparandosi per questo importante evento, incoraggiano le persone a conoscere più profondamente la persona e l’insegnamento del Primate del Millennio.
  8. In connessione con l’avvicinarsi della Giornata dell’Educazione, i Pastori della Chiesa Cattolica in Polonia ringraziano gli insegnanti, i catechisti, gli educatori e altro personale scolastico per lo sforzo di insegnare e di educare.
  9. Con un senso di responsabilità per il futuro della nostra patria, i vescovi presenti all’assemblea plenaria sottolineano l’obbligo morale di prendere parte alle elezioni e accettano come loro “La Parola del Presidente della Conferenza Episcopale Polacca prima delle elezioni parlamentari”.

 Nel mese di ottobre, i vescovi incoraggiano a pregare il Rosario e benedicono i loro connazionali in patria e all’estero.

Firmato dai Pastori della Chiesa Cattolica in Polonia presenti alla 384a assemblea plenaria della Conferenza episcopale polacca

Varsavia, il 9 ottobre 2019